Contact decision makers

CHIEDIAMO AI LEADER DI FERMARE I MINERALI DEI CONFLITTI

Oggetto: É l'ora di un regolamento ambizioso sui minerali dei conflitti


Egregio Signore, Gentile Signora,

Il regolamento sui “minerali dei conflitti” è attualmente in corso di negoziazione tra il Parlamento europeo, la Commissione europea e i 28 Stati membri dell'UE. L'obiettivo dichiarato è quello di rompere i legami tra risorse naturali e conflitti, come nel caso della regione orientale della Repubblica Democratica del Congo, ma anche in Myanmar o in Colombia. Di fronte alla violenza e agli abusi attualmente perpetrati da gruppi armati, sono le popolazioni locali che stanno pagando il prezzo più alto per lo sfruttamento di alcune risorse naturali.

Mentre accolgo con piacere quest'iniziativa da parte dell'Unione Europea, sono preoccupato per la posizione adottata dal Consiglio il 17 dicembre 2015, in cui gli Stati membri dell'UE propongono solo un sistema volontario che ignora la stragrande maggioranza dei minerali che entrano nel mercato dell'UE come prodotti finiti o semilavorati. Come cittadino, sono profondamente preoccupato che i prodotti che compro potrebbero nascondere storie di sofferenza; intendo perciò chiedere una legislazione che garantisca che i prodotti che utilizzo quotidianamente non alimentino violenza e abusi. Esigo una legislazione che metta al centro la dimensione etica della produzione e del commercio.

Per una legislazione che contribuisca realmente a rompere i legami tra risorse naturali e conflitti, La invito a: Come cittadino europeo, Le chiedo di promuovere l'adozione di un regolamento efficace che contribuisca realmente a porre fine ai conflitti, e sono sicuro di poter contare su di Lei per questo.

Cordiali saluti,

Il tuo indirizzo email verrà inviato ad alcuni dei principali responsabili politici dell’UE: